ittica brianza
home pageaziendapunti venditaprodottiserviziittica gourmetnews
condizioni  condizioni     privacy  privacy     contattaci  contattaci    
Home » News 

News

 

« Indietro

21/03/2015TARTARE FA SUBITO PRIMAVERA
 



Con l’arrivo della bella stagione, si cerca di ridurre il consumo di cibi grassi e di intingoli,
dando la preferenza a piatti semplici e freschi.
Un piatto che ben si concilia con questa tendenza è certamente la tartare di pesce,
derivazione dell’originale bistecca alla tartara realizzata con polpa cruda di bovino,
tritata con la mezzaluna o battuta a coltello,
poi condita con prezzemolo, capperi, salse piccanti ed anche cipolla.
Di esecuzione semplicissima,
è però fondamentale che gli ingredienti di base siano freschissimi
dal momento che si consumano crudi.
Considerato ormai un classico della cucina internazionale,
questo piatto ha tanta storia da raccontarci…


Secondo la tradizione, prenderebbe il nome dai popoli nomadi e guerrieri dell’Asia centrale,
chiamati genericamente Tartari,
i quali avevano l’abitudine di mettere i pezzi di carne degli animali abbattuti
tra la sella e il dorso del cavallo con cui andavano a caccia.
Dopo un’intera giornata di marcia,
l’attrito macinava la carne rendendola morbida e più facile da mangiare.
E’ evidente come tra questa rudimentale ricetta e la raffinata steak tartare di oggi
ci sia solo una lontana parentela,
anche se, per i puristi, la vera tartare è solo quella realizzata con la polpa di cavallo,
in omaggio alle suddette origini.
La tartare ci fa venire in mente un altro famoso piatto, il carpaccio,
creato da Giuseppe Cipriani dell’Harry’s Bar di Venezia,
per la sua fedele cliente Amalia Nani Mocenigo.
Il medico aveva ordinato alla contessa veneziana una rigida dieta a base di carne cruda
e Cipriani, per rendergliela più invitante,
pensò di tagliare del filetto di manzo il più sottile possibile,
condendolo poi con salse saporite.
Nacque così un nuovo piatto, destinato ad ottenere un successo sempre maggiore.


Non solo!
Da quel momento “carpaccio” è diventato sinonimo di “ingrediente tagliato sottilmente “:
abbiamo così il carpaccio di pesce, di frutta e di verdura.
La stessa sorte è capitata alla tartare:
essa indica genericamente un alimento presentato sottoforma di trito;
può essere di pesce, di verdura o di frutta,
accompagnandoci così durante tutto il pasto.
Anche grazie alla crescente diffusione che ha avuto recentemente la cucina giapponese, basata sul pesce crudo,
le tartare di tonno e di salmone sono fra i piatti più amati e richiesti degli ultimi tempi.
 
   copyrights 2008 by Ittica Brianza s.r.l.
powered and produced by auroranetwork.it